Quanto guadagna un doppiatore?

Quanto guadagna un doppiatore?

Siamo sicuri di soddisfare la curiosità di molti che si chiedono quando guadagna un doppiatore e altre curiosità che fanno parte della sua vita professionale.

Diciamo subito che, come abbiamo appreso dai racconti delle esperienze dei nostri docenti, non è facile entrare tra i professionisti accreditati presso gli studi di registrazione importanti, ma c’è una sicurezza, in questo modo le raccomandazioni non funzionano: se non sei bravo, nessun direttore di doppiaggio accetterà di farti lavorare!

Altra cosa importante da tener presente è che più passa il tempo, più è difficile apprendere “on the job”, sperando cioè di fare tesoro dei consigli dei professionisti più esperti o di direttori di doppiaggio pazienti, per un semplice motivo:

non c’è tempo

Per massimizzare i profitti o far fronte alla bassa remunerazione dei prodotti cinematografici, non è possibile impiegare il tempo a disposizione se non per produrre, togliendo ogni possibilità di dare spazio ad “attività formative.

Per questo motivo, oggi, le scuole che offrono la possibilità di apprendere da professionisti di successo, sono delle importanti occasioni per chi intende avvicinarsi a questo mondo.

Fatto questo doveroso preambolo, cerchiamo di rispondere al quesito iniziale: quanto guadagna un doppiatore?

In questo breve articolo esaminiamo quali sono, dal punto di vista sindacale, le retribuzioni dei professionisti che lavorano nel campo del doppiaggio ed in particolare dei doppiatori.

Il contratto collettivo nazionale di lavoro del settore doppiaggio in vigore, è quello del 2008, aggiornato con un “contratto ponte che ha il compito di regolare i rapporti di lavoro tra i “datori di lavoro” e tutte le figure professionali legate al doppiaggio e che sono: attori doppiatori, direttori di doppiaggio, assistenti di doppiaggio e adattatori di dialoghi.

La categoria è rappresentata, come succede spesso, da molti sindacati, chiamati ad ogni rinnovo del contratto nazionale a concordarne le condizioni quelle che hanno firmato l’ultimo contratto del 2008 sono il SAI-SLC-CGIL – Sindacato Attori Italiano, FISTEL-CISL – Federazione Informazioni Spettacolo Telecomunicazioni,, FAI-FISTEL-CISL Forum Attori Italiani,  UILCOM-UIL – Coordinamento Attori

La controparte,  sempre con riferimento al contratto stipulato nel 2008, sono: l’ANICA  – Associazione Nazionale Industrie Cinematografiche Audiovisive e Multimediali,  La Editori Associati.

Dopo un importante sciopero in cui si richiedeva il rinnovo del contratto, il 27 febbraio, presso la sede dell’ANICA, in v.le Regina Margherita a Roma, sindacati ed associazioni nazionali di categoria hanno siglato l’accordo ponte, valido fino al 31 dicembre 2017  e che apporta modifiche sulla durata dei turni le caratteristiche dei vari prodotti.

Nel contratto oltre al  dettaglio dei parametri necessari per la misurazione delle attività ai fini della retribuzione, sono contenute altre interessanti informazioni come ad esempio le sigle che i copioni contengono per supportare la recitazione.

Le definizioni di riga

  • (IC) in campo
  • (FC) fuori campo
  • (inIC), (finIC) inizia/finisce in campo
  • (inFC), (finFC) inizia/finisce fuori campo
  • (SOVR) sovrapposto ovv. accavallato
  • / pausa fra due frasi
  • // pausa fra due scene (manda a capo il testo che segue)
  • sospensione all’interno di una frase
  • (Ant) anticipato
  • (EFF) voce effettata – telefono – altoparlante
  • (DS) di spalle
  • (SM) sul muto
  • (RIS) risatina
  • (VOCE) voce pensiero
  • (Orig) come da originale

Tutte le altre eventuali annotazioni sono indicate per esteso.

Vediamo ora quali sono i compensi per gli attori doppiatori

I doppiatori, ma anche altre figure dell’attività di doppiaggio, sono pagati in base a due fattori che vengono sommati:  il turno di lavoro e le righe recitate.  Il valore delle “riga” letta varia in base al tipo di film da doppiare. Ogni turno dura 3 ore di lavoro. I  i valori esposti nella tabella sono quelli minimi, i professionisti più richiesti naturalmente concordano il valore delle loro prestazioni.

Attore : compenso minimo per turno (3 ore) Righe medie per turno Turno dal 31 marzo 2008 Righe dal 31 marzo 2008
Fascia 1: Film circuito cinema, miniserie, sceneggiati,originali TV, filmati di repertorio e trailer 140 72.71 € 2.31 €
Fascia 2: TV-movie, film home video 170 72.71 € 2.31 €
Fascia 3: Telefilm, telefilm home video, sit-com 190 72.71 € 1.99 €
Fascia 4: Cartoni animati seriali 190 72.71 € 1.54 €
Fascia 5: Soap-opera, telenovela, documentari a sinc, docudrama, reality a sinc 220 72.71 € 1.54 €

A questo punto per avere il compenso totale sarà necessario fare la somma dei turni e delle righe che si è chiamati a doppiare, ma questo naturalmente dipenderà dalla bravura e dalla professionalità del doppiatore, attribuita dal direttore di doppiaggio che vi ingaggerà.

Se sei interessato a sapere come hanno iniziato i nostri docenti consulta i loro profili.

2017-09-14T18:32:07+00:00martedì 16 maggio 2017|0 Commenti

Scrivi un commento